La letteratura della corte di Alfonso il Magnanimo presenta aspetti di grande interesse, non solo per il ruolo nella storia dell’Umanesimo, ma anche perché impone nuove direzioni alla tradizione encomiastica. Lì per la prima volta vennero usati, in un’orazione di Angelo de Grassis, i Panegyrici Latini, scoperti solo pochi anni prima da Giovanni Aurispa. Lì per la prima volta vennero applicati modelli storiografici di tipo encomiastico, introdotti dal medico catalano Gaspar Pelegrí, ma elaborati attraverso le aspre discussioni tra Lorenzo Valla e Bartolomeo Facio. Sostenuto dal Panormita, Facio impose le linee della storiografia ufficiale, in cui bisognava preferire il decorum verisimile alla verità, aprendo, così, definitivamente le porte alla propaganda. The court literature of Alfonso the Magnanimous raises several issues of great interest, not only because of the role that it plays in the history of Humanism, but also because it represents a turning point in the encomiastic tradition. It was in this historical setting that Angelus de Grassis (in his Oratio Panigerica) first used the Panegyrici Latini, which had been discovered only a short time before by Giovanni Aurispa. This period also saw the first applications of celebratory models of historiography, which were introduced by the Catalan doctor Gaspar Pelegrí, but developed in the course of the heated debates between Lorenzo Valla and Bartolomeo Facio. Supported by Panormita, Facio set the guidelines for the official history of the period, in which decorum verisimile was to be preferred to veritas, with obvious implications for the creation of propaganda.

La letteratura encomiastica alla corte di Alfonso il Magnanimo

DELLE DONNE, FULVIO
2012

Abstract

La letteratura della corte di Alfonso il Magnanimo presenta aspetti di grande interesse, non solo per il ruolo nella storia dell’Umanesimo, ma anche perché impone nuove direzioni alla tradizione encomiastica. Lì per la prima volta vennero usati, in un’orazione di Angelo de Grassis, i Panegyrici Latini, scoperti solo pochi anni prima da Giovanni Aurispa. Lì per la prima volta vennero applicati modelli storiografici di tipo encomiastico, introdotti dal medico catalano Gaspar Pelegrí, ma elaborati attraverso le aspre discussioni tra Lorenzo Valla e Bartolomeo Facio. Sostenuto dal Panormita, Facio impose le linee della storiografia ufficiale, in cui bisognava preferire il decorum verisimile alla verità, aprendo, così, definitivamente le porte alla propaganda. The court literature of Alfonso the Magnanimous raises several issues of great interest, not only because of the role that it plays in the history of Humanism, but also because it represents a turning point in the encomiastic tradition. It was in this historical setting that Angelus de Grassis (in his Oratio Panigerica) first used the Panegyrici Latini, which had been discovered only a short time before by Giovanni Aurispa. This period also saw the first applications of celebratory models of historiography, which were introduced by the Catalan doctor Gaspar Pelegrí, but developed in the course of the heated debates between Lorenzo Valla and Bartolomeo Facio. Supported by Panormita, Facio set the guidelines for the official history of the period, in which decorum verisimile was to be preferred to veritas, with obvious implications for the creation of propaganda.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/7508
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact