Sono analizzate, con ampia esempleficazione, alcune metafore presenti nell'elegia 3, 11 dei Tristia ovidiani: quella del 'caduto calpestato', quella delle 'parole come pietre' e quella della 'ferita che non cicatrizza (e la ferita di Augusto)'

Il relegato e il nemico. Spunti di riflessione su alcune metafore in Ovidio, trist. 3, 11

DI GIOVINE, Carlo Vittorio
2006

Abstract

Sono analizzate, con ampia esempleficazione, alcune metafore presenti nell'elegia 3, 11 dei Tristia ovidiani: quella del 'caduto calpestato', quella delle 'parole come pietre' e quella della 'ferita che non cicatrizza (e la ferita di Augusto)'
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rivista di filologia.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 3.44 MB
Formato Adobe PDF
3.44 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/2262
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact