Nella prima nota si fissa la data del De factis et dictis Socratis memoratu dignis al 1441-44 e si seguono le prime fasi della diffusione di quest'opera bessarionea. Nella seconda si osserva, sulla base di un passo dell'In calumniatorem Platonis e della testimonianza del codice Marc. gr. 193, che già il Bessarione dovette ritenere un epigramma in sé concluso il primo distico di Anth. Pal. 7, 109.

Due note bessarionee

BANDINI, Michele
2009

Abstract

Nella prima nota si fissa la data del De factis et dictis Socratis memoratu dignis al 1441-44 e si seguono le prime fasi della diffusione di quest'opera bessarionea. Nella seconda si osserva, sulla base di un passo dell'In calumniatorem Platonis e della testimonianza del codice Marc. gr. 193, che già il Bessarione dovette ritenere un epigramma in sé concluso il primo distico di Anth. Pal. 7, 109.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SMU 7(2009).pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 359.43 kB
Formato Adobe PDF
359.43 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/20688
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact