Sono riportati i primi risultati di una sperimentazione su tecniche compostaggio per il riciclo aziendale nel suolo dei residui colturali con scarse destinazioni alternative (es. alimentazione zootecnica). E’ stata adottata la tecnologia di compostaggio semplificata del cumulo statico ad insufflazione attiva dell’aria con soffiante ad alimentazione elettrica e tubi forati. Il processo di compostaggio ha interessato 4 differenti cumuli ottenuti dalla miscelazione di: cippato (materiale strutturante); compost commerciale (innesco); residui di piante di pomodoro e IV gamma. Nei 4 cumuli, il pomodoro ha costituito il 50 %, il 37,5 %, il 25 % e il 17,5 % in peso secco, rispettivamente. In tutti i cumuli il rapporto C/N di partenza è stato pari a 30. Quali indicatori della maturità del compost ottenuto sono stati utilizzati la respirazione basale e l’attività idrolasica totale. La stabilità del prodotto finale è stata valutata su quattro diverse specie orticole (Solanum lycopersicon, Lactuca sativa, Triticum aestivum e Lepidium sativum) tramite il test di fitotossicità degli estratti acquosi dei compost. Le analisi microbiologiche condotte sono state relative alla carica batterica totale, alla densità di pseudomonadi e di batteri termoresistenti e al numero di funghi totali. Inoltre, è stato determinato il pH e l’EC, nonchè l’azoto totale, i nitrati, il potassio, il fosforo, il calcio, il magnesio e il sodio del prodotto finito. Infine, è stata valutata la presenza di metalli pesanti. I residui di pomodoro si sono rilevati idonei alla produzione in azienda, in tempi brevi (circa un mese), di un compost vegetale di buona qualità. Anche una prima analisi economica del sistema di compostaggio proposto indica la compatibilità economica, oltre che la sostenibilità ambientale, della tecnologia on-farm sperimentata.

Realizzazione di un sistema di compostaggio on farm dei residui di pomodoro

PALESE, Assunta Maria;CELANO, Giuseppe
2010

Abstract

Sono riportati i primi risultati di una sperimentazione su tecniche compostaggio per il riciclo aziendale nel suolo dei residui colturali con scarse destinazioni alternative (es. alimentazione zootecnica). E’ stata adottata la tecnologia di compostaggio semplificata del cumulo statico ad insufflazione attiva dell’aria con soffiante ad alimentazione elettrica e tubi forati. Il processo di compostaggio ha interessato 4 differenti cumuli ottenuti dalla miscelazione di: cippato (materiale strutturante); compost commerciale (innesco); residui di piante di pomodoro e IV gamma. Nei 4 cumuli, il pomodoro ha costituito il 50 %, il 37,5 %, il 25 % e il 17,5 % in peso secco, rispettivamente. In tutti i cumuli il rapporto C/N di partenza è stato pari a 30. Quali indicatori della maturità del compost ottenuto sono stati utilizzati la respirazione basale e l’attività idrolasica totale. La stabilità del prodotto finale è stata valutata su quattro diverse specie orticole (Solanum lycopersicon, Lactuca sativa, Triticum aestivum e Lepidium sativum) tramite il test di fitotossicità degli estratti acquosi dei compost. Le analisi microbiologiche condotte sono state relative alla carica batterica totale, alla densità di pseudomonadi e di batteri termoresistenti e al numero di funghi totali. Inoltre, è stato determinato il pH e l’EC, nonchè l’azoto totale, i nitrati, il potassio, il fosforo, il calcio, il magnesio e il sodio del prodotto finito. Infine, è stata valutata la presenza di metalli pesanti. I residui di pomodoro si sono rilevati idonei alla produzione in azienda, in tempi brevi (circa un mese), di un compost vegetale di buona qualità. Anche una prima analisi economica del sistema di compostaggio proposto indica la compatibilità economica, oltre che la sostenibilità ambientale, della tecnologia on-farm sperimentata.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/18522
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact