Il saggio individua il codice senofonteo utilizzato da Leonardo Bruni per la sua traduzione dello Ierone e si sofferma brevemente su alcuni aspetti del contributo bruniano. Si presenta inoltre un dialogo umanistico inedito, il Colax di Antonio da Pescia, dipendente dal Tyrannus bruniano.

Lo Ierone di Senofonte nel Quattrocento: Leonardo Bruni e Antonio da Pescia

BANDINI, Michele
2005

Abstract

Il saggio individua il codice senofonteo utilizzato da Leonardo Bruni per la sua traduzione dello Ierone e si sofferma brevemente su alcuni aspetti del contributo bruniano. Si presenta inoltre un dialogo umanistico inedito, il Colax di Antonio da Pescia, dipendente dal Tyrannus bruniano.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RPL 28 (2005).pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.59 MB
Formato Adobe PDF
1.59 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/1633
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact