Il volume contiene la prima edizione veramente critica del testo, che sistema in uno stemma preciso tutti i testimoni noti (12 manoscritti e 1 incunabolo) e risolve il problema delle contaminazioni e delle differenti redazioni d’autore. Il De verbis Romanae locutionis è la prima opera di carattere spiccatamente letterario scritta da Biondo Flavio. Essa tratta di un argomento che generalmente, finora, è stato analizzato solo da un punto di vista meramente storico-culturale, poiché si pone all’origine di una questione linguistica – se gli antichi Romani parlassero il Latino o il Volgare – destinata a generare dibattiti a cui parteciparono alcuni tra i più illustri Umanisti, come Leonardo Bruni, Poggio Bracciolini, Lorenzo Valla, Leon Battista Alberti o Guarino Veronese. Ma essa, come si dimostra nell’introduzione, presenta implicazioni che vanno al di là del più specifico aspetto “linguistico” o “erudito”, offrendo spunti per una più ampia riflessione non solo sulla cultura dell'epoca, ma anche sul ruolo politico del papato e di Roma.

BLONDUS FLAVIUS, De verbis Romanae locutionis

DELLE DONNE, FULVIO
2008

Abstract

Il volume contiene la prima edizione veramente critica del testo, che sistema in uno stemma preciso tutti i testimoni noti (12 manoscritti e 1 incunabolo) e risolve il problema delle contaminazioni e delle differenti redazioni d’autore. Il De verbis Romanae locutionis è la prima opera di carattere spiccatamente letterario scritta da Biondo Flavio. Essa tratta di un argomento che generalmente, finora, è stato analizzato solo da un punto di vista meramente storico-culturale, poiché si pone all’origine di una questione linguistica – se gli antichi Romani parlassero il Latino o il Volgare – destinata a generare dibattiti a cui parteciparono alcuni tra i più illustri Umanisti, come Leonardo Bruni, Poggio Bracciolini, Lorenzo Valla, Leon Battista Alberti o Guarino Veronese. Ma essa, come si dimostra nell’introduzione, presenta implicazioni che vanno al di là del più specifico aspetto “linguistico” o “erudito”, offrendo spunti per una più ampia riflessione non solo sulla cultura dell'epoca, ma anche sul ruolo politico del papato e di Roma.
9788889190487
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Edizione_Biondo_DeVerbis.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 639.45 kB
Formato Adobe PDF
639.45 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/11873
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact