Lo studio analizza un passo di Apuleio (Met. 8, 9), concernente l’apparizione “oracolare” a Carite del fantasma del defunto sposo, ponendola in relazione con una visione onirica occorsa alla stessa (ibid. 4, 27) in una fase precedente della sua storia. Confronta la figura della sognatrice con modelli epici (ovidiani e virgiliani) di elevata probabilità sociale, interpretandone la vendetta sull’assassino del marito con i criteri dell’allegoria onirica.

I sogni di Charite, una seconda volta

LUCIFORA, Rosa Maria Agostina
2008

Abstract

Lo studio analizza un passo di Apuleio (Met. 8, 9), concernente l’apparizione “oracolare” a Carite del fantasma del defunto sposo, ponendola in relazione con una visione onirica occorsa alla stessa (ibid. 4, 27) in una fase precedente della sua storia. Confronta la figura della sognatrice con modelli epici (ovidiani e virgiliani) di elevata probabilità sociale, interpretandone la vendetta sull’assassino del marito con i criteri dell’allegoria onirica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
sogniCharite.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 161.67 kB
Formato Adobe PDF
161.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Amicitiae templa serena.pdf

accesso aperto

Tipologia: Abstract
Licenza: DRM non definito
Dimensione 632.42 kB
Formato Adobe PDF
632.42 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/7650
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact