Il servizio riguarda le strategie di sviluppo della regione Pugliaattivate dalla pianificazione paesaggistica. La visione paesaggistica del piano incalza i temi della sostenibilità che impegnano il paradigma degli orientamenti regionali, alcuni avallando le attività già in corso, come la rigenerazione urbana edell’housing sociale a partire dalla riqualificazione congiunta delle periferie e della campagna di prossimità in chiave agroambientale e multifunzionale (vedi articolo di Mariavaleria Mininni); la promozione di un turismo delle differenze che rinnova i canoni dell’accoglienza in modalità integrate e diffuse distraendo dalla costa a vantaggio dell’amenità dei paesaggi rurali e subcostieri; la centralità della pianificazione comunale e provinciale, investite da un progetto di riforma degli strumenti di pianificazione, messa alla prova dal recepimento delle visioni patrimoniali dei beni culturali e paesaggistici come componenti da rivitalizzare della visione strutturale e come dispositivi-guida nelle trasformazioni della parte programmatica del piano.

La sfida della pianificazione paesaggistica pugliese verso una idea nuova di sviluppo sostenibile e sociale,

MININNI, MARIAVALERIA
2011

Abstract

Il servizio riguarda le strategie di sviluppo della regione Pugliaattivate dalla pianificazione paesaggistica. La visione paesaggistica del piano incalza i temi della sostenibilità che impegnano il paradigma degli orientamenti regionali, alcuni avallando le attività già in corso, come la rigenerazione urbana edell’housing sociale a partire dalla riqualificazione congiunta delle periferie e della campagna di prossimità in chiave agroambientale e multifunzionale (vedi articolo di Mariavaleria Mininni); la promozione di un turismo delle differenze che rinnova i canoni dell’accoglienza in modalità integrate e diffuse distraendo dalla costa a vantaggio dell’amenità dei paesaggi rurali e subcostieri; la centralità della pianificazione comunale e provinciale, investite da un progetto di riforma degli strumenti di pianificazione, messa alla prova dal recepimento delle visioni patrimoniali dei beni culturali e paesaggistici come componenti da rivitalizzare della visione strutturale e come dispositivi-guida nelle trasformazioni della parte programmatica del piano.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
autorizzazione INU.docx

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: DRM non definito
Dimensione 14.57 kB
Formato Microsoft Word XML
14.57 kB Microsoft Word XML   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
A - Indice 147.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 47.85 kB
Formato Adobe PDF
47.85 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11563/28846
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact