Allo scopo di ricostruire il campo delle velocità di spostamento di una frana molto lenta che si sviluppa alle porte della città di Potenza in formazioni strutturalmente complesse, è stata recentemente eseguita una campagna di indagini geotecniche ad integrazione di indagini già eseguite nel passato. Sono stati realizzati due nuovi fori a carotaggio continuo, grazie ai quali è stato possibile esaminare la mesostruttura del materiale, determinare l’andamento del contenuto d’acqua con la profondità, installare tubi inclinometrici. Lungo la strada che attraversa la parte alta della frana sono state inoltre eseguite misure topografiche per la valutazione degli spostamenti in superficie. I risultati dell’indagine confermano le ipotesi formulate da Di Maio et al. (2010) sulla geometria della superficie di scorrimento e sulla distribuzione delle velocità di scorrimento ed evidenziano l’esistenza di uno strato superficiale di terreno ammorbidito, con contenuto d’acqua notevolmente più elevato di quello del terreno sottostante. La superficie di scorrimento si sviluppa in parte nel materiale ammorbidito ed in parte in quello più consistente.

Analisi degli spostamenti di una frana lenta in argille consistenti

PAGLIUCA, ROSSELLA;VASSALLO, ROBERTO;DI MAIO, Caterina
2012

Abstract

Allo scopo di ricostruire il campo delle velocità di spostamento di una frana molto lenta che si sviluppa alle porte della città di Potenza in formazioni strutturalmente complesse, è stata recentemente eseguita una campagna di indagini geotecniche ad integrazione di indagini già eseguite nel passato. Sono stati realizzati due nuovi fori a carotaggio continuo, grazie ai quali è stato possibile esaminare la mesostruttura del materiale, determinare l’andamento del contenuto d’acqua con la profondità, installare tubi inclinometrici. Lungo la strada che attraversa la parte alta della frana sono state inoltre eseguite misure topografiche per la valutazione degli spostamenti in superficie. I risultati dell’indagine confermano le ipotesi formulate da Di Maio et al. (2010) sulla geometria della superficie di scorrimento e sulla distribuzione delle velocità di scorrimento ed evidenziano l’esistenza di uno strato superficiale di terreno ammorbidito, con contenuto d’acqua notevolmente più elevato di quello del terreno sottostante. La superficie di scorrimento si sviluppa in parte nel materiale ammorbidito ed in parte in quello più consistente.
9788889524671
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pagliuca_Rossella.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.6 MB
Formato Adobe PDF
1.6 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11563/28242
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact