È in atto un profondo cambiamento epistemologico, una nuova era caratterizzata dalla centralità della conoscenza. L'impegno dell'UNESCO per la creazione di "società della conoscenza" nasce dalla convinzione che l'accesso universale alla conoscenza sia fondamentale per costruire la pace, lo sviluppo sostenibile - economico, sociale e ambientale e il dialogo interculturale. Immaginare il paesaggio e i patrimoni culturali come “Comunità della conoscenza” – una linea centrale di indagine all'interno della Cattedra UNESCO in “Paesaggi culturali del Mediterraneo e comunità di saperi” /Università della Basilicata–, rappresenta un'importante opportunità per sperimentare approcci, metodi e strumenti per la gestione della conoscenza per realizzare scenari di sviluppo sostenibile. Transdisciplinarietà, molteplicità, pluralità, sinergia, condivisibilità, inclusività sono solo alcuni attributi che descrivono le trasformazioni del processo di gestione della conoscenza per dare una risposta più convincente alle sfide globali che l'umanità deve affrontare. Queste trasformazioni possono essere sostenute e facilitate da pratiche più aperte, dirette e partecipative in cui i gruppi e le comunità e i loro sistemi di conoscenza sono sempre più rilevanti. In questo quadro, il percorso accoglie approcci, metodi e pratiche di ricerca innovativi che affrontano la gestione della conoscenza per la sostenibilità all'interno del paesaggio e dei patrimoni culturali, inclusi anche i siti UNESCO.

The Observatory for the Management of the UNESCO Site of Sassi of Matera: Cognitive Autopoiesis and Communities of Knowledge

Angela Colonna
2023-01-01

Abstract

È in atto un profondo cambiamento epistemologico, una nuova era caratterizzata dalla centralità della conoscenza. L'impegno dell'UNESCO per la creazione di "società della conoscenza" nasce dalla convinzione che l'accesso universale alla conoscenza sia fondamentale per costruire la pace, lo sviluppo sostenibile - economico, sociale e ambientale e il dialogo interculturale. Immaginare il paesaggio e i patrimoni culturali come “Comunità della conoscenza” – una linea centrale di indagine all'interno della Cattedra UNESCO in “Paesaggi culturali del Mediterraneo e comunità di saperi” /Università della Basilicata–, rappresenta un'importante opportunità per sperimentare approcci, metodi e strumenti per la gestione della conoscenza per realizzare scenari di sviluppo sostenibile. Transdisciplinarietà, molteplicità, pluralità, sinergia, condivisibilità, inclusività sono solo alcuni attributi che descrivono le trasformazioni del processo di gestione della conoscenza per dare una risposta più convincente alle sfide globali che l'umanità deve affrontare. Queste trasformazioni possono essere sostenute e facilitate da pratiche più aperte, dirette e partecipative in cui i gruppi e le comunità e i loro sistemi di conoscenza sono sempre più rilevanti. In questo quadro, il percorso accoglie approcci, metodi e pratiche di ricerca innovativi che affrontano la gestione della conoscenza per la sostenibilità all'interno del paesaggio e dei patrimoni culturali, inclusi anche i siti UNESCO.
2023
978-88-96687-16-1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Colonna-IFKAD 23_ESTRATTO.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Pdf editoriale
Licenza: Versione editoriale
Dimensione 3.64 MB
Formato Adobe PDF
3.64 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11563/177276
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact