Il tema del Mix Design dei conglomerati bituminosi viene affrontato con l’obiettivo di fornire al lettore un quadro completo ed esaustivo delle possibili modalità di ottimizzazione dei componenti delle miscele bituminose, giacché a livello italiano tale aspetto non trova univoco riscontro in normative tecniche specifiche. Quindi, il lavoro parte dall’analisi del contesto europeo, in particolare dalle norme EN per la marcatura CE dei conglomerati bituminosi, evidenziandone peculiarità e (soprattutto) elementi di criticità. Successivamente il focus viene spostato sulla disamina dei principali criteri di mix‐design desunti dalla letteratura, mettendo in luce ancora una volta peculiarità e criticità. Si giunge infine ad una proposta di procedura di mix design per i conglomerati bituminosi che, a seconda di variabili quali, ad esempio, traffico e/o categoria della strada e/o strato della pavimentazione, fornisce diversi livelli di approfondimento, che vanno dalla mera indagine composizionale e volumetrica, a livelli di maggior dettaglio basati sulla ottimizzazione delle prestazioni (ad esempio, rigidezza, ormaiamento, resistenza a fatica e durabilità) in ragione del contesto di utilizzo (temperature, tipologie e frequenze di transito dei carichi previsti). È da evidenziare che anche il tema qui trattato presenta forti componenti di Sostenibilità Ambientale (e, ancora una volta, economica), giacché la qualità delle miscele bituminose è condizione necessaria (anche se spesso non sufficiente) per garantire una durata della pavimentazione commisurata al valore dell’opera e ridurre gli interventi manutentivi. Per concludere, si sottolinea come i temi qui trattati hanno anche forte impatto sulla resilienza delle opere stradali, allorquando le scelte sulla ottimizzazione dei materiali componenti hanno importanti riflessi sulle prestazioni in condizioni di mutati assetti climatici (ad esempio, in uno scenario di aumento delle temperature di esercizio, la scelta di un adeguato tipo di bitume si rivela elemento cruciale).

Il Mix Design dei conglomerati Bituminosi

Maurizio Diomedi;Saverio Olita;Donato Ciampa;Pietro Vuono;
2023-01-01

Abstract

Il tema del Mix Design dei conglomerati bituminosi viene affrontato con l’obiettivo di fornire al lettore un quadro completo ed esaustivo delle possibili modalità di ottimizzazione dei componenti delle miscele bituminose, giacché a livello italiano tale aspetto non trova univoco riscontro in normative tecniche specifiche. Quindi, il lavoro parte dall’analisi del contesto europeo, in particolare dalle norme EN per la marcatura CE dei conglomerati bituminosi, evidenziandone peculiarità e (soprattutto) elementi di criticità. Successivamente il focus viene spostato sulla disamina dei principali criteri di mix‐design desunti dalla letteratura, mettendo in luce ancora una volta peculiarità e criticità. Si giunge infine ad una proposta di procedura di mix design per i conglomerati bituminosi che, a seconda di variabili quali, ad esempio, traffico e/o categoria della strada e/o strato della pavimentazione, fornisce diversi livelli di approfondimento, che vanno dalla mera indagine composizionale e volumetrica, a livelli di maggior dettaglio basati sulla ottimizzazione delle prestazioni (ad esempio, rigidezza, ormaiamento, resistenza a fatica e durabilità) in ragione del contesto di utilizzo (temperature, tipologie e frequenze di transito dei carichi previsti). È da evidenziare che anche il tema qui trattato presenta forti componenti di Sostenibilità Ambientale (e, ancora una volta, economica), giacché la qualità delle miscele bituminose è condizione necessaria (anche se spesso non sufficiente) per garantire una durata della pavimentazione commisurata al valore dell’opera e ridurre gli interventi manutentivi. Per concludere, si sottolinea come i temi qui trattati hanno anche forte impatto sulla resilienza delle opere stradali, allorquando le scelte sulla ottimizzazione dei materiali componenti hanno importanti riflessi sulle prestazioni in condizioni di mutati assetti climatici (ad esempio, in uno scenario di aumento delle temperature di esercizio, la scelta di un adeguato tipo di bitume si rivela elemento cruciale).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11563/174679
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact