Il riutilizzo dei reflui a scopo irriguo consente di sfruttare i nutrienti in essi presenti, sostituendo i concimi artificiali ed ottenendo la riduzione dell’uso di ammendanti sintetici ed il miglioramento della qualità chimico-biologica delle acque restituite ai ricettori. Tale attività, trova vincoli di carattere igienico-sanitario e dovuti all’inefficienza degli impianti di depurazione. Il presente lavoro si propone di valutare l’efficienza e l’efficacia di nuovi schemi di trattamento, derivati da un processo a fanghi attivi modificato, per il riutilizzo di acque reflue in ambito agricolo. I risultati ottenuti mostrano una rimozione parziale, anche inferiore al 50% del carico organico, un rilascio ottimale delle sostanze azotate, un risparmio economico di oltre un milione di euro rispetto agli impianti a fanghi attivi convenzionali. Il rilascio di sostanza organica risulta modulabile e selettivo tra gli schemi, a qualsiasi rapporto di rimozione, la parte rapidamente biodegradabile viene eliminata in modo praticamente completo. La valenza ambientale della pratica proposta risiede nei seguenti aspetti: minore carico di sostanze inquinanti addotte ai corpi idrici, recupero di nutrienti, riduzione dei trattamenti convenzionali di depurazione che causano emissioni di anidride carbonica e metano, diminuzione dei prelievi di risorsa idrica dalle fonti convenzionali.

Rimozione selettiva di sostanza organica da acque reflue attraverso uno schema a fanghi attivi modificato: modellazione e valutazione economica

MASI, Salvatore;CANIANI, Donatella;MANCINI, Ignazio Marcello;TRULLI, Ettore;
2008

Abstract

Il riutilizzo dei reflui a scopo irriguo consente di sfruttare i nutrienti in essi presenti, sostituendo i concimi artificiali ed ottenendo la riduzione dell’uso di ammendanti sintetici ed il miglioramento della qualità chimico-biologica delle acque restituite ai ricettori. Tale attività, trova vincoli di carattere igienico-sanitario e dovuti all’inefficienza degli impianti di depurazione. Il presente lavoro si propone di valutare l’efficienza e l’efficacia di nuovi schemi di trattamento, derivati da un processo a fanghi attivi modificato, per il riutilizzo di acque reflue in ambito agricolo. I risultati ottenuti mostrano una rimozione parziale, anche inferiore al 50% del carico organico, un rilascio ottimale delle sostanze azotate, un risparmio economico di oltre un milione di euro rispetto agli impianti a fanghi attivi convenzionali. Il rilascio di sostanza organica risulta modulabile e selettivo tra gli schemi, a qualsiasi rapporto di rimozione, la parte rapidamente biodegradabile viene eliminata in modo praticamente completo. La valenza ambientale della pratica proposta risiede nei seguenti aspetti: minore carico di sostanze inquinanti addotte ai corpi idrici, recupero di nutrienti, riduzione dei trattamenti convenzionali di depurazione che causano emissioni di anidride carbonica e metano, diminuzione dei prelievi di risorsa idrica dalle fonti convenzionali.
9788890355707
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11563/17030
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact